Passeggiata Sentiero Geologico

Passeggiata Sentiero Geologico
Marzo 13, 2022 hypertesto

Il sentiero geologico di Falcade è un percorso molto appagante dal punto di vista paesaggistico e di rilevante interesse geologico.

Realizzato nel 2018, è un escursione suddivisa in 15 tappe, evidenziate con delle tabelle illustrative poste in determinati punti estremamente interessanti, descritte in maniera dettagliata, con note tecniche, dal noto geologo, nativo del luogo, Vittorio Fenti.

Il panorama che si può godere dalla malga Bosch Brusà (ph.CristinaFiocco)

La partenza si trova nella frazione di Marmolada. Poco dopo l’ultima abitazione, percorrendo la strada in salita verso Sappade, in prossimità di una curva si può notare la tabella n.1 da dove inizia il sentiero. In circa 40 minuti di cammino, costeggiando in senso contrario il torrente Gavon, si raggiunge lo stop. n.7, punto panoramico da dove si può ammirare la spettacolare cascata delle Barezze.

Formata dal torrente Gavon, le cui sorgenti nascono lungo i pendii di Col Becher, con i suoi 10 metri di altezza, formatasi grazie alla presenza di porfidi più resistenti sulla parte iniziale e porfidi più erodibili ai suoi piedi, è un gioiello incastonato tra le rocce, ricco di storia geologica .

Superato il ponte che sovrasta la cascata si continua lungo la strada forestale, seguendo il sentiero n.631, che in circa un’ora e 20 minuti porta alla malga Bosch Brusà. 

Verso l’arrivo, si giunge, oltrepassato un cancello, al penultimo step, dov’è irrinunciabile una piccola sosta per godere della vista verso l’Agner, Cima Pape e il gruppo del Focobon.

Una volta arrivati in prossimità della malga, oltre a trovare l’ultimo cartello informativo,

la particolare stratificazione delle rocce sul Col Becher (ph.CristinaFiocco)

si può godere di un panorama mozzafiato verso il massiccio del Col Becher, da dove, in passato una grossa frana staccatasi dai ripidi pendii, ha messo in evidenza la particolare stratificazione delle rocce e la loro particolare colorazione rosa.

Il percorso è molto ben segnato da cartelli colorati che garantiscono la percorrenza in sicurezza.

Il tempo di percorrenza del giro completo si aggira attorno alle 5/6 ore.

Una eventuale variante, per chi non è sufficientemente allenato, permette di arrivare in macchina fino ad un parcheggio sopra la frazione di Meneghina, piccola frazione sopra l’abitato di Sappade, e visitare la cascata con un breve tragitto, dove, una volta attraversato il ponte si scende a sinistra percorrendo un sentiero molto corto.

Da portare estrema attenzione in alcuni periodi dell’anno, perchè, nonostante la sua breve percorrenza, può essere estremamente insidioso per il formarsi di ghiaccio e umidità sui sassi presenti, e dar modo di possibili cadute indesiderate.

Eventualmente, si può scegliere di partire, sempre dallo stesso punto, anche per la malga Bosch Brusà accorciando il percorso.

(Tempo di percorrenza 1 ora e mezza).

Le 15 tappe comprendono:

  • 1. introduzione al sentiero geologico di Falcade

  • 2. ambiente di sedimentazione

  • 3. affioramento di conglomerati interglaciali

  • 4.panorama geologico del Sass della Palazza

  • 5.Arenarie di Val Gardena

  • 6. profidi quarziferi

  • 7. Cascata delle Barezze

  • 8.Ponte Barezze

  • 9.Torrente Marmoladella

  • 10.I Marmoi

  • 11.Monte Vallesella-Col Becher

  • 12.panorama geologico sulle Pale di San Martino, cima Pape e Agner

  • 13. frana di Bosch Brusà

  • 14.bacino erosivo della Marmolada

  • 15.formazione di col Becher

    Rocce di Col Becher (ph.CristinaFiocco)